giovedì 20 aprile 2017

Noi stiamo con Gabriele



Comunicato stampa

Castagneto Carducci li 20/04/2017

Noi stiamo con Gabriele

Il Tavolo per la Pace insieme a tutte le Associazioni e cittadini ad esso aderenti si unisce all’appello per l’immediata liberazione di Gabriele Del Grande dalle carceri turche dove è detenuto senza motivo e alla faccia del diritto internazionale e della libertà di espressione.
Invitiamo cittadini e amministratori ad unirsi all’appello lanciato su facebook “io sto con la sposa” e a seguire le iniziative di protesta civile che lo stesso Tavolo Per La Pace intraprenderà nei prossimi giorni fino all’ottenimento di una risoluzione.  Vogliamo Gabriele libero subito, non solo perché non ha colpe ma perché è una voce libera che vogliamo continuare ad ascoltare. In Turchia non ha commesso alcun reato se non quello di voler raccontare quello che stava vedendo e quello di cui stava venendo a conoscenza con le sue interviste. Noi stiamo con Gabriele, “e con la sposa”.
E ci uniamo all’appello della moglie, l’antropologa Alexandra D'Onofrio per un’espulsione che secondo le leggi turche deve avvenire entro i 14 giorni di detenzione.


Il coordinatore della Bassa val di Cecina: Jeff Hoffman  cell 3288077994
La coordinatrice dell’Alta val di Cecina: Camilla Sguazzi  cell 3484004616

Segreteria Tavolo per la Pace della val di Cecina
Comune di Castagneto Carducci (LI)
Via della Repubblica 15/B
Tel 0565 778276 - Fax 0565 763845 cell. 3332526023
pace@comune.castagneto-carducci.li.it
Facebook/Tavolo per la Pace
http://tavoloperlapace.blogspot.it

sabato 15 aprile 2017

Buona pasqua


La pace non è una stagione, è un modo di vivere!
Auguri a tutti - Buona Pasqua
 

Il coordinatore della Bassa val di Cecina: Jeff Hoffman  cell 3288077994
La coordinatrice dell’Alta val di Cecina: Camilla Sguazzi  cell 3484004616

Segreteria Tavolo per la Pace della val di Cecina
Comune di Castagneto Carducci (LI)
Via della Repubblica 15/B
Tel 0565 778276 - Fax 0565 763845 cell. 3332526023
Facebook/Tavolo per la Pace

venerdì 14 aprile 2017

Comunicato stampa


Tavolo per la Pace della val di Cecina
Comunicato stampa

Castagneto Carducci li 14/04/2017

Il Tavolo per la Pace ritiene che dobbiamo eliminare la guerra dalla storia. Per farlo serve un modello di sviluppo alternativo a quello attuale che c’ha portato fino a questo punto. I missili contro la Siria e le super bombe contro l’Afganistan NON sono una risposta adeguata nè all’uso di armi chimiche né all’oppressione della popolazione. E Tantomeno al terrorismo. Chiunque lo abbia detto è folle. Per non parlare della rapidità con cui gli Stati Uniti hanno preso la decisione d’attaccare senza passare dal Congresso né dall’ONU è a dir poco sospetta.
Dei civili che muoiono non interessa niente a nessuno, altrimenti l’ONU non avrebbe atteso il lancio dei missili per riunirsi d’urgenza. Il numero di vittime è inaccettabile: oltre 400mila morti, 5 milioni di profughi, 6 milioni di sfollati interni su una popolazione complessiva di circa 23 milioni di persone; Questa la guerra che non hanno voluto fermare. Quella stessa guerra che costringe milioni di persone ad emigrare.
Al contrario, grandi potenze e stati criminali sembrano avere interesse affinché la guerra civile siriana peggiori. Anche il nostro paese, secondo produttore di armi al mondo, ha pressoché triplicato l’esportazione di armi verso quei paesi che finanziano e armano il così detto “terrorismo islamico”, per non parlare della mole di affari leciti e illeciti portato dalle guerre e dalle scellerate politiche in atto sul piano internazionale.  
Ebbene, il Tavolo per la Pace non ci sta e rifiuta non solo l’uso delle armi ma anche la violenza della propaganda di cui siamo vittime da decenni.
Il ricorso alla menzogna sulle armi chimiche ha già fortemente modificato il corso della storia degli ultimi decenni e sicuramente è opportuno fare scelte del tutto diverse. L'azione muscolare dell'amministrazione americana non trova alcuna giustificazione se non quella di sfida alle altre potenze schierate nel teatro di guerra, che invece di altre prove di forza ha bisogno di de-militarizzazione e di una strategia politica e negoziata di pacificazione e di ricomposizione delle comunità locali. Un percorso complesso ma indispensabile che ha bisogno della forza del diritto e della giustizia e non delle armi.

Il coordinatore della Bassa val di Cecina: Jeff Hoffman  cell 3288077994
La coordinatrice dell’Alta val di Cecina: Camilla Sguazzi  cell 3484004616
Segreteria Tavolo per la Pace della val di Cecina
Comune di Castagneto Carducci (LI)
Via della Repubblica 15/B
Tel 0565 778276 - Fax 0565 763845 cell. 3332526023
Facebook/Tavolo per la Pace

sabato 18 marzo 2017

Diritti umani in primo piano


Il 30 marzo alle ore 21.15 a Pomaia al Circolo Ricreativo  pomaiese si parlera' di diritti umani, quelli che Rousseau defini' " di prima categoria" quei diritti senza i quali non ci sarebbero nemmeno quelli civili, sociali e sindacali. Sono enunciati nella Dichiarazione Universale dei diritti Umani sanciti dalle Nazioni Unite il 1 gennaio 1948, quando finita la seconda guerra mondiale tutte le Nazioni coinvolte dissero "NUNCA MAS" ovvero "MAI PIU". All'iniziativa denominata" Diritti in primo piano. Le ricette di Amnesty International partecipera' Egidio Grande attualmente responsabile del gruppo Amnesty di Siena che ci raccontera' come lavora Amnesty e quali sono le modalita' di azione di un movimento internazionale che lavora ormai da oltre 55 anni. Il Comune di Santa Luce e il Tavolo per la pace invita tutti a partecipare.